Il metodo di Madame Flonka

Il metodo di Madame Flonka è sicuramente uno dei sistemi più suggestivi relativi alla lettura dei tarocchi, non solo per la sua storia dato che è legato ad un personaggio realmente esistito, Madame Flonka appunto, celebre indovina che tra i secoli XVII e XVIII ebbe assidue relazioni con l’alta società francese, ma anche per il suo intrinseco meccanismo di lettura basato su precisi significati suddivisi per categorie. Con questo metodo viene innanzitutto richiesto al consultante di mescolare e raggruppare le carte in unico mazzo che viene consegnato al cartomante il quale posizionerà le carte (18) secondo uno schema ben preciso. La prima ha un valore fondamentale perché rappresenta la condizione attuale del consultante e costituisce una perfetta sintesi del suo problema per il quale richiede un consulto.

Sopra questa carta, vengono disposte altre cinque in orizzontale che illuminano il cartomante sulla reale situazione del consultante rispettivamente inquadrando la sua posizione sul piano professionale, emotivo, familiare, interpersonale e fisico. Alla destra della carta centrale andranno disposte altre tre carte che rappresentano le reali ambizioni dell’individuo e quindi i suoi sogni e progetti, ma anche gli ostacoli effettivi che gli impediscono di realizzare come persona. A sinistra della carta principale verranno collocate altre tre carte, le quali ci illuminano riguardo gli effetti aiuti e sostegni che l’individuo potrà ricevere nell’affrontare le diverse scelte della sua vita, e quindi di chi può davvero fidarsi e chi no. A quel punto disponiamo due file di tre carte ciascuna sotto alla carta principale. La prima fila è il risultato combinato di tre aspetti che riguardano il suo futuro e cioè la salute, il denaro e l’amore, mentre la seconda fila in cui ci sono le carte n°16,17,18 troveremo gli stessi temi ma in un futuro molto lontano, quasi come conseguenze delle future scelte che faremo in relazioni al nostro passato controverso.

Fonte: http://smorfianapoletana.org/esoterismo

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.