Le celle frigorifere per la conservazione della verdura

Come è facile immaginare, per le aziende del settore agroalimentare la conservazione degli alimenti è un fattore di primaria importanza e questo lungo tutta la filiera, vale a dire trasformazione del prodotto, trasporto e vendita.

Oltre alle leggi che impongono, per ragioni di salute pubblica, la corretta conservazione degli alimenti, esiste anche per le aziende del settore una ragione prettamente economica per far si che il proprio prodotto non vada a deperire, causando quindi un’importante perdita finanziaria.

Il deperimento della verdura
Se c’è un settore dove la conservazione del prodotto alimentare risulta essere un processo particolarmente importante, è proprio quello ortofrutticolo.

L’ossidazione di zuccheri e acidi contenuti nei tessuti di frutta e verdura, infatti, comporta un rapido deperimento del prodotto, con tutte le conseguenze del caso.

Temperatura e umidità sono fondamentali
Di qualunque prodotto alimentare si parli, la temperatura e l’umidità presenti all’interno di una cella frigorifera sono elementi assolutamente decisivi, così come la velocità e la portata dell’aria.

A seconda della grandezza della cella, ce ne sono di varie dimensioni, naturalmente, si può avere l’esigenza di mantenere la stessa temperatura in tutto l’ambiente oppure di creare aree a temperatura differente, in modo da conservare prodotti alimentari diversi nella stessa cella frigorifera.

Le celle frigorifere per la verdura
Nel caso specifico della verdura, la temperatura ideale all’interno della cella frigorifera può andare da -1 a 4 gradi centigradi.

Inoltre, essendo la verdura, come la frutta, un prodotto facilmente deperibile, le celle frigorifere adatte allo scopo devono prevedere una facile pulizia e manutenzione.

Sempre, quando si tratta di prodotti alimentari, ma nel caso della verdura l’igiene risulta veramente fondamentale. Una caratteristica importante che deve possedere una cella frigorifera moderna ed efficiente per la verdura è quella di essere dotata di controllo ad inverter.

In questo caso, infatti, l’evaporazione del fluido necessario a refrigerare l’ambiente viene controllata costantemente, quindi si utilizza solo l’energia effettivamente necessaria a mantenere la temperatura richiesta. Una cella frigorifera per verdura dotata di controllo ad inverter, quindi, consuma meno energia di una cella non dotata di questo sistema.

Le tre tecnologie per la refrigerazione
La refrigerazione all’interno delle celle frigorifere si realizza mediante tre diverse tecnologie: Freon, Glicole e Ammoniaca.

Le celle frigorifere a funzionamento Freon utilizzano un fluido di refrigerazione che viene compresso, così da farlo passare dallo stato gassoso a quello liquido, quindi trasferito successivamente attraverso una serpentina funzionale allo scopo.

Nel caso del glicole e dell’ammoniaca si sfrutta invece la capacità di questi composti di rimuovere il vapore.

I materiali utilizzati per le celle frigorifere per la verdura
In genere le celle frigorifere per verdura sono realizzate in acciaio inossidabile e rivestite in vetroresina.

Per il pavimento, invece, viene spesso utilizzata una lamiera zincoplastificata. Sulle porte di accesso alla cella frigorifera viene applicata una speciale resistenza anticondensa, mentre gli abbattitori di temperatura possono essere sia ad acqua che ad aria.

Gli accessori
Naturalmente, anche le celle frigorifere per la verdura possono essere dotate di accessori che ne vanno a potenziare le funzioni e l’efficienza.

Parliamo innanzitutto di un sistema di umidificazione supplementare, in modo da ottimizzare al massimo il grado di umidificazione interna alla cella, un fattore che può fare veramente la differenza e contribuire ad una perfetta conservazione della verdura contenuta nella cella frigorifera. Vanno ricordati anche i pannelli isolanti, per aiutare a mantenere la temperatura continuamente costante.

I commenti sono chiusi, ma i riferimenti e pingbacks sono aperte.